giovedì, febbraio 05, 2009

L'orrore

Per la prima volta in vita mia sono seriamente preoccupato per la deriva antidemocratica del nostro Paese. Se questo Governo varerà un decreto legge (come riporta il Corriere.it) per evitare che venga interrotta l'alimentazione ad Eluana Englaro, allora saremo davvero sprofondati nel baratro. Ma quello che più mi stupisce è che in una congiuntura drammatica il Paese il nostro Governo è totalmente assordbito dal caso Battisti, dal caso Englaro, dalla campagna elettorale contro Soru in Sardegna e dalla legge per limitare le intercettazioni. Sono letteralmente allibito. Per quanto non sopporti i toni populistici non riesco ad immaginare fino a che punto siamo in grado di arrivare. A rigor di logica uno dovrebbe aspettarsi già la rivoluzione per le strade, visto quello che succede ad esempio in città come Napoli. Quello che però mi lascia senza parole è il comportamenteo della nostra stampa: inadeguata? Inqualificabile? Troppo poco. Prendiamo ad esempio quanto scrive il Corriere.it sul caso Englaro:
"L'ha spiegato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, lasciando Palazzo Odescalchi dove ha partecipato a una festa organizzata dalla principessa Nicoletta. «Stiamo lavorando per intervenire», ha detto il Cavaliere."

Ma ci rendiamo conto dell'assurdità di una dichiarazione del genere? Credo che nessun comico al mondo avrebbe avuto il coraggio e la spudoratezza di scrivere una cosa del genere. Siamo davvero ai confini della realtà.

8 commenti:

e.boccardo@gmail.com ha detto...

Lasciando perdere la politica...l'orrore è l'egoismo, il relativismo assoluto di chi pensa di possedere la verità con la maiuscola. Non discuto il diritto di crederlo, ma non accetto chi me la vuole imporre. E quando dico non accetto, non parlo di teoria.
Ciao jack.

Fabrizio Gaias ha detto...

Concordo in pieno. Il mondo intero sta attraversando una crisi senza precedenti, e tutti i Paesi cercano di mettere in piedi delle soluzioni capaci di reggere l'urto. E noi che si fa? A parte i soliti incentivi alla rottamazione e la social card, ci occupiamo di altro. Prima cosa, ci dedichiamo alle solite beghe di cortile, che ci piace tanto. Poi salviamo Alitalia, contrabbandando la cosa per patriottismo. Nel frattempo lottiamo per l'Expo, ma quando arriva il momento di impegnarci davvero nascondiamo la testa sotto il banco, come a scuola durante le interrogazioni, in un grottesco rimpallo delle responsabilità. Poi i casi Battisti e Englaro. E qui tocchiamo la punta massima, con l'ipotesi di un decreto ad hoc per evitare quello che agli occhi di tutti ormai sembra la cosa più giusta. Per Eluana, le cui volontà vengono subdolamente messe in dubbio. E per il padre Beppino, che poco ci manca che passi per un insensibile assassino. Ieri in tv ho sentito un illustre esponente del nostro Parlamento paragonare il sondino nasogastrico che tiene in vita Eluana ad una dentiera. Non scherzo. Che storie, ragazzi. Che se te le racconti non ci credi.

e.boccardo@gmail.com ha detto...

jack....l'"h".... ;)

Giacomo Brunoro ha detto...

Sono assolutamente d'accordo. Resto sempre senza parole di fronte a chi ha certezze così assolute da pretendere di imporle anche agli altri. La cosa più assurda (ed ironica al tempo stesso) è che Dio ci ha dato il libero arbitrio mentre l'uomo fa di tutto per togliercelo.

Giacomo Brunoro ha detto...

ho appena corretto... :D

e.boccardo@gmail.com ha detto...

Scusa...non volevo imporre alcuna verità!
:D

Giacomo Brunoro ha detto...

Il tono surreale che c'è in questo scambio nei commenti tra me e Lele è a dir poco fantastico. Peraltro il tutto è praticamente incomprensibile dato che ho cancellato al volo il mio commento con l'erroraccio di grammatica dovuto alla fretta ma sono stato sgamato lo stesso... :D
Comunque quella della dentiera paragonata al sondino non l'avevo ancora sentita, ma ormai non mi stupisco più di nulla!

e.boccardo@gmail.com ha detto...

basta che tu non dica surreale ma bello...se no fa "Notting Hill"...e litighiamo sui ruoli!