martedì, maggio 06, 2008

E' una bella mamma! (il post definitivo)

Forse non tutti sanno che da tempo ho praticamente smesso di guardare la televisione, con una sola eccezione: Canale Italia. Di solito quello che mi interessa lo trovo in rete e in tv mi limito a zappare. Come dicevo l'unica eccezione è Canale Italia e in particolar modo due programmi: Arte TV con il mitico Willy Montini e Cantando Ballando. Non sto qui a dilungarmi sulla bellezza estrema di questi due piccoli capolavori televesivi (dovreste leggere gli sms che io e Tommaso Labranca ci scambiamo durante Arte Tv...) dato che il motivo di questo post è un altro. Domenica, appena tornato dalla mia settimana di vacanza, accendo come al solito Canale Italia e trovo l'icona fissa della signora Elda Mazzucato in Garbo, Presidente Canale Italia. In sottofondo le meravigliose immagini della sua ultima festa di compleanno, con tanto di telefonata di auguri in diretta di Silvio Berlusconi in persona (si, proprio lui). All'inizio credo si tratti appunto dei festeggiamenti per il suo compleanno, ma poi scopro l'amara verità: la signora Elda è morta. Senza pensarci due volte il figlio ha indetto tre giorni di lutto nazionale, roba da far impallidire i funerali del Papa. Nel Tg serale di Canale Italia poi il trionfo: svariati servizi sulla donna che ha segnato la storia della tv, l'evento che ha cambiato la storia della televisione italiana, e via andare con cose di questo tipo, mentre in Birmania sono morte circa un 100mila persone in uno dei più grandi disastri di tutti i tempi. Ma questa è solo cronaca, la notizia del giorno (anzi, dei tre giorni) è la morte della Signora Elda e la decisione coraggiosa dell'editore di proclamare lo stop che ha fermato per la prima volta la televisione, questo carrozzone che non si ferma mai. Inutile dire che lo scambio di sms con Labranca si è intensificato, al punto da sfociare in una mia drammatica telefonata ieri sera in cui mi proclamavo completamente sconvolto (altro che montaggio analogico!) per l'accaduto e per i toni drammatici da Libro Cuore dei servizi che si suseguivano al Tg. Stasera, di fronte all'ennesima serie di servizi al Tg di Canale Italia (tutta la stampa ha parlato della tragica morte della Signora Elda... per ora ho scovato un trafiletto su Corriere.it e poco altro) non ho più resistito e mi sono lasciato andare sul blog.
Ci sarebbe molto da scrivere su questo episodio, ma sono distrutto da maratone davanti al mac e non mi sembra il caso di continuare troppo, anche perché mi aspetta una settimana massacrante. Credo però che con questi tre giorni abbiamo definitivamente sfondato il muro dell'estetica televisiva: la bellezza pura e cristallina di questi momenti sarà difficilmente superabile (forse solo quando morirà Silvio, ammesso e non concesso che muoia, chiaro...). Qui la vita ha definitivamente sbranato la televisione, ha trasceso l'arte, la cultura, è diventata autoreferenziale e assoluta. Mi viene voglia di correre nella sede di Canale Italia per riprendere i dipendenti che, ogni mattina, si inchinano di fronte alla statua d'oro della mamma per porgerle i dovuti omaggi. Si, perché io non sono mai stato nella sede di Canale Italia, ma la Ragione vuole che quella statua ci sia. E sono già disperato perché sabato e domenica, a causa dei miei impegni alla Fiera del Libro di Torino, mi perderò lo show di Willy Montini, che senza ombra di dubbio si lancerà in un commosso ricordo della Signora Elda. Sento il dovere di trasformarmi in Calboni per urlare a squarciagola: "E' una bella mamma!"


UPDATE: Oggi in prima pagina sul Corriere c'è un articolo di Aldo Grasso sulla Signora Elda Mazzucato in Garbo e sulla tre giorni di lutto di Canale Italia. L'articolo continua poi con una pagina intera a pag. 25. Apoteosi. Qui sotto invece il video di uno dei servizi del Tg di Canale Italia.


6 commenti:

Alessandro ha detto...

devo dirti che la gigantografia in sovrimpressione costante faceva un po' di effetto...funerali ieri...ora possiamo tornare a "porta anche tu in salotto un pezzo di storia dell'arte del novecento..."

margherita ha detto...

Che tenerezza la televisione spontanea...

Dharma

Anonimo ha detto...

Tra l'altro il figlio ci assomiglia anche vagamente a quello di Fantozzi...

Giacomo Brunoro ha detto...

uhm... non credo che si tratti di televisione spontanea anzi, credo piuttosto che sia vero il contrario. ne ho appena parlato con zapotek al volo su msn e anche lui concordava con me sul fatto che il format di Canale Italia verrà capito soltanto fra un po'...

Kecco ha detto...

ehehe...nell ultimo degli sms scambiati con il sottoposto Bonazzi (umile dipendente della gloriosa Rete) mi immaginavo la costruzione della statua della povera vecchina al cui cospetto tutti debbano genuflettersi ad ogni passaggio... lui mi ha risposto che in sede girano strane voci... tipo che lui voglia imbalsamarla...

:/

Giacomo Brunoro ha detto...

se la imbalsamano veramente tutti in pellegrinaggio!