lunedì, novembre 19, 2007

Guardando Maria de Filippi

Sabato sera, per una serie di motivi che sarebbe troppo lungo spiegare, mi è capitato di guardare per un po' C'è posta per te di Maria de Filippi. Voglio fare una piccola riflessione su quanto ho visto, giusto per capire se io e mia moglie siamo due marziani. Abbiamo acceso la tv a programma ampiamente inoltrato: nel video una coppia che si tiene per mano e racconta una storia. La faccio molto breve: lei quando aveva 13 anni è scappata di casa ed è andata a vivere con lui (che all'epoca ne aveva 25 di anni). Naturalmente è rimasta incinta subito. Naturalmente il padre di lei non l'ha presa proprio benissimo. Dopo due anni lei lascia il compagno e torna con la famiglia insieme alla bambina. Dopo un po' però decide di riscappare con lui (abbandonando tra l'altro la madre sul letto d'ospedale mezza morta per un attacco cardiaco: e ci credo, peserà al meno 300 chili, un attacco cardiaco è il minimo....). Il padre la non gliel'ha mai perdonata e da allora si rifiuta di vedere il genero (nel frattempo i due si sono sposati e hanno avuto un'altra figlia). I protagonisti della vicenda sono calabresi. 
Ora, lasciando da parte gli aspetti epici della vicenda (l'accento duro e aspirato di lei che sembrava uscita da un fumetto, il compagno di lei muto con la faccia da latin lover calabrese, il padre che non era un uomo ma un personaggio spuntato fuori da non so quale romanzo del Verga, la madre splendida Moby Dick mediterrane) una cosa mi ha fatto pensare: ma possibile che in tutta questa vicenda nessuno si sia sognato di sporgere denuncia? Mi spiego meglio: un ragazzo di 25 anni va in fuga d'amore con una bambina di 13 anni, la mette incinta e vive con lei per due anni e nessuno dice niente? Sbaglio o la nostra legislazione contempla le voci stupro e violenza sui minori? Ma la cosa più sconvolgente è che Maria De Filippi parlava della cosa come di una ragazzata, si perchè si sa che a quell'età i ragazzi perdono la testa e fanno cose di questo tipo. E va precisato che stiamo parlando di avvenimenti che risalgono a otto anni fa, non ad ottanta anni fa. 
A questo punto mi viene da pensare che abbiamo sbagliato davvero tutto, che esista una parte del Paese che non viene raccontata, che non ha rappresentanza, che viene sistematicamente ignorata ma che è una parte consistente del nostro tessuto sociale.
Per la cronaca, alla fine il padre si è rifiutato di accettare il genero (non ne sono sicuro però, non ho resistito fino alla fine): lui ha espresso giustamente il suo punto di vista, vale a dire perdono mia figlia, accetto lei e i nipoti ma lui no. Punto di vista condivisibile, ma che a quanto pare ha fatto scalpore in studio perchè tutti volevano la carrambata. Ora io mi domando, al di là dell'assurdità di tutta la vicenda e del comportamento criminale della De Filippi (si, criminale, perchè non ci sono altri termini per giustificare quello che ho visto sabato), perchè lui avrebbe dovuto perdonarla? Perchè tutti devono accettare sempre tutto? Io questa cosa non la capisco proprio, ma ce ne sono tante, troppe cose che non capisco, quindi è meglio smetterla subito e iniziare a lavorare un po'...

6 commenti:

Alessandro ha detto...

it's television, baby!
e maria non passerà certo alla storia per avere educato il popolo italiano!
comunque, glissi sui motivi per i quali ti sei trovato a guardare suddetta trasmissione...e questo non si fa! spiega, se ne hai il coraggio!

p!o ha detto...

Abbozzo un possibile motivo:

Purtroppo la partita dell'Italia era alle 18.00 e quindi niente partita a cena, con canotta e frittata (e rutto libero!)

giacomo ha detto...

in realtà è stata una giornata campale di acquisti prenatalizi (albero, addobbi, palle, ecc.), con tanto di semi-litigata perchè io (come un bambino) volevo già montare tutto, ma la mia signora mi ha fatto notare che siamo appena a metà novembre... comunque poi partita, aperitivo con amici tremendo (un freddo che non vi dico), rientro a metà serata e... tac! bella lì con la Maria nazionale...

Alessandro ha detto...

quindi cercavi dell'accoglienza e del calore umano in maria! ma non era più facile fare l'amore con tua moglie?
o non sarà mica che la mezza litigata ha portato lei al controllo del telecomando? succede anche questo, e sappi che ti capisco, se così è stato...
comunque un certo gusto del trash ogni tanto fa indugiare pure me sui programmi di mariiiiiiaaaaaaaa...io in realtà ero uno specialista di uomini e donne, quando avevo un paio d'or di pausa pranzo.sinceramente, non so se rimpiangere quei tempi.

giacomo ha detto...

ma no, mezza litigata è una parola grossa... diciamo che io ho fatto un po' i capricci perchè volevo montare l'albero e gli addobbi natalizi... ma il fattaccio è stato che non mi ha lasciato comprare il filone luminoso cazzuto da attaccare in terrazzo!
comunque alla fine non abbiamo litigato... se proprio devo essere sincero la cosa mi preoccupa: io e mia moglie non abbiamo mai litigato pesantemente, cioè solo cosette, robe che nel giro di mezz'ora si risolvono... che sia grave?!?!?!
e comunque il mio massimo di trash è stato un po' di beautiful un bel po' di anni fa...

Alessandro ha detto...

c'è chi crede che l'amore non è bello se non è litigarello. questione di punti di vista: se non litigate pesantemente, vuol dire che andate d'accordo, no? quindi---> non è grave,anzi.hai presente sbattimenti in meno?

ecco, tutto questo per dirti che la mia signora è più - diciamo - turbolenta.e io l'amo!