giovedì, giugno 28, 2007

Ma quanto torno a Padova...*

Roma, Londra, Tokyo, Singapore,
tutti posti che me ga incantà...
Ma na spina mi go sempre in core,
quando sò che son lontan da qua...
ogni sera vardo e fisso el cieo
ea luna me soride
ma mi nol par gnanca tanto beo
perchè nol somigia a questo qua

... ma quando torno a Padova,
me sento a casa mia,
No go mainconia,
e tutto me va ben...
Camino soto i porteghi,
de cuà e deà me incanto,
e cupoe del Santo,
fa ciaro a sta sità...
Ritrovo tutti i popoi,
davanti a sta basiica
chi che ga visto Padova
no poe scordarla più...

Tuto el mondo i dise el xe eo stesso
rente i monti come rente el mar
ma tanto na volta come adesso
co so via mi vojo ritornar
serco dapartuto el to viseto
serco e to caresse dee to man
questo xe un amore benedeto
perchè el xe un amore padovan

... ma quando torno a Padova,
me sento a casa mia,
No go mainconia,
e tutto me va ben...
Camino soto i porteghi,
de cuà e deà me incanto,
e cupoe del Santo,
fa ciaro a sta sità...
Ritrovo tutti i popoi,
davanti a sta basiica
chi che ga visto Padova
no poe scordarla più...

*Non so cosa significhi tutto ciò. Forse è tutta colpa dei litri di spritz bevuti questa sera al Portello, più il gran finale di una terrificante pizza tonnocipolle alla "Pizzeria al Porteo" (naturalmente con birramedialemoncellocaffè). Buonanotte...

2 commenti:

Alessandro ha detto...

no! c'ero pure io...e anche fino a tardi...tant'è che, oltre all'oretta di ritardo al lavoro,e anche se alcuni indizi depongono in questo senso, non sono nemmeno sicuro di esserci ancora arrivato (a lavorare, intendo).
stamattina hangover di uncerto livello dovuto proprio a quella magica bevanda rossa.

Valeria ha detto...

Devo cominciare a preoccuparmi, tesoro????